Servizi

Ecobaratto attivi in atto:

Ecobaratto Crisà – Via Luigi Einaudi – Palermo;

Ecobaratto Resuttana – Viale Croce Rossa – Palermo;

Ecobaratto Villatasca – Viale SS. Mediatrice – Palermo;

Ecobaratto Brancaccio – Corso dei Mille, 1658 – Palermo.

Cos’è il baratto e come funziona

Quello che comunemente si chiama scambio o baratto, giuridicamente ha un nome ben preciso: si chiama permuta ed è un contratto disciplinato dal codice civile. Si tratta cioè dello scambio della proprietà di una cosa a fronte della cessione della proprietà su un’altra cosa. Con questa operazione, Mario, proprietario del bene A, cede a Giovanni, proprietario del bene B, la titolarità del bene A; Giovanni, nel contempo, gli trasferisce la proprietà del bene B.

La permuta è quindi il contratto che ha per oggetto il reciproco trasferimento della proprietà di cose, o di altri diritti, da un soggetto a un altro.

Il fatto che sia disciplinato dal codice civile fa comprendere che il baratto è legale sia tra privati che tra aziende. Anzi, è uno dei contatti più antichi che esistano. Proprio su di esso si è formata l’economia (che non a caso viene detta «economia di scambio»).

Perché si realizzi un baratto, o meglio una permuta, non è necessario firmare un documento scritto, ma basta la semplice consegna delle due cose o l’impegno a consegnarle in un successivo momento. Se una delle due parti anziché cedere la proprietà di un oggetto cedesse la proprietà di una somma di denaro si avrebbe allora un diverso contratto: la vendita.

Il baratto può avvenire tanto con beni mobili quanto con immobili. Un esempio oggi piuttosto ricorrente della permuta è quando una persona, titolare di un terreno, ne cede la proprietà a un costruttore perché vi realizzi un edificio, in cambio del trasferimento della proprietà di uno degli appartamenti di tale palazzo. Anche questo è un baratto. Se il contratto di permuta ha ad oggetto beni immobili è però necessario l’atto notarile e la trascrizione nei pubblici registri immobiliari.

È anche possibile la permuta di cosa altrui: è il caso di Caio che delega Tizio di procurargli la proprietà del bene B, di proprietà di Sempronio, in cambio della proprietà del bene A. Tizio così contatta Sempronio e cerca di ottenere da questi la cessione del bene B che poi scambia con Caio dietro la titolarità del bene A.

È necessario che il soggetto che chiede la permuta di cosa altrui sia consapevole dell’altruità della stessa.

È infine lecita la permuta di caso futura ossia che ancora non è stata prodotta o venuta ad esistenza.

CONTATTACI

Scrivici per ricevere ulteriori informazioni, ricevere una visita da parte del nostro personale a domicilio oppure per fissare un appuntamento presso le nostre sedi.

Sending

ASI Servizi – Associazione Siciliana Servizi

Via Siracusa, 27 - 90141 – Palermo

Telefono 091.45.56.53

Codice Fiscale 97298300829

Privacy Polycy

©2019 BLUCASH circuito di moneta virtuale - powered design by Pyramides.it

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account